Animadante: conferenza conclusiva




Eventi | Daniele Erler | 13 ottobre 2010 alle 09:21

TRENTO – Si terrà martedì prossimo (19 ottobre 2010) la conferenza conclusiva, aperta al pubblico, sul progetto AnimaDante. Com’è noto, il tema della vivibilità di piazza Dante, e del giardino annesso, è a Trento di grande attualità: da una parte gli episodi di criminalità verificatisi, dall’altra la costante presenza di senzatetto ed accattoni, hanno dato alla piazza una comune percezione di mancata sicurezza. Sia essa soltanto un pregiudizio, o una sensazione motivata, negli ultimi anni è innegabile che, quello che era un giardino per famiglie, è stato abbandonato dalle stesse. Da qui il progetto AnimaDante, promosso dal Comune di Trento, grazie al quale sono stati organizzati una serie di eventi (concerti, mercatini, balli), con l’intenzione di riqualificare l’area in questione.Martedì prossimo, presso il salone di rappresentanza di palazzo Geremia, in via Belenzani 20, si tireranno le somme, verrà reso pubblico ciò che già è stato fatto, e ciò che si ha intenzione di proporre in futuro. Interverranno il sindaco Andreatta e la responsabile del progetto Morandini; dopo una prima proiezione di un filmato, sarà lasciato quindi spazio ad un dibattito “La sicurezza per piazza Dante e la città di Trento – cosa faremo?”, con la partecipazione di Di Nicola (Università di Trento), Plotegher (Assessore con delega per le materie delle Politiche sociali e pari opportunità), Lia Giovanazzi Beltrami (Assessore alla Solidarietà internazionale e alla convivenza), il presidente della Circoscrizione Centro Storico-Piedicastello, i rappresentanti delle forze dell’ordine, associazioni e operatori del settore. Tutta la cittadinanza è invitata.


Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Trento su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Daniele Erler

Daniele Erler Daniele Erler 23 anni, studia Storia presso l'Università di Trento, facoltà di Lettere e Filosofia. Nel tempo libero ama leggere, scrivere, ascoltare musica e suonare la chitarra.
Sito: http://www.livingepitaphs.blogspot.com


Lascia un commento